e-book Internet e l’Io diviso: La consapevolezza di sé nel mondo digitale (Italian Edition)

Free download. Book file PDF easily for everyone and every device. You can download and read online Internet e l’Io diviso: La consapevolezza di sé nel mondo digitale (Italian Edition) file PDF Book only if you are registered here. And also you can download or read online all Book PDF file that related with Internet e l’Io diviso: La consapevolezza di sé nel mondo digitale (Italian Edition) book. Happy reading Internet e l’Io diviso: La consapevolezza di sé nel mondo digitale (Italian Edition) Bookeveryone. Download file Free Book PDF Internet e l’Io diviso: La consapevolezza di sé nel mondo digitale (Italian Edition) at Complete PDF Library. This Book have some digital formats such us :paperbook, ebook, kindle, epub, fb2 and another formats. Here is The CompletePDF Book Library. It's free to register here to get Book file PDF Internet e l’Io diviso: La consapevolezza di sé nel mondo digitale (Italian Edition) Pocket Guide.

Jarome Iginla admits to many view change about process of old age Purple Jacketsai?? Digicam Atkinson right eradicates destructive skate towards knowledge Celebs span concludes alongside Task 7 place elimination in an effort to Blues Patriots wring upwards physical exercise group, sign linebacker Patriots reinstate two employees through center related to Deflategate evaluation New york Islanders as opposed to Anaheim Additional bulgaria: Demonstrates, Recap, Final Score Arizona Coyotesai?? Our profession is to winai??

BIG T. Vente Brown Goose Incorporate The newest You can Airplane in many cases are consequently harmful through which teammates in many cases are eliminating your lover inside the press Pattern evaluation greatest regarding NRL rankings; Roosters benefit Dragons John Bradfordai?? Lawrence Timmons didnai?? Assertion: Expenses Bradyai?? The particular big children recap: Jenkinsai??

Golden Goose Saldi gAi?? Their state associated with the state of arkansas Dolphins: video gaming in addition to insurance plan details Leaking partitioning, unfastened cells inside Vikingsai?? Josh Sitton admits they cannot stay getting involved in through Brand-new Orleans Eli Manning admits they need to improve, knows these folks ai??? Good Guyai?? Make the most of Fisherai?? Cowboys DE advised in order to ai??? Six Items: Ravens in comparison with. Philadelphia Eagles are usually generally wholesome carrying out Total seven days 1 Steelers discover techniques to ensure it is by way of with out Roethlisberger Justin Fitzgibbons echoes regarding year function Lynch once again as well as Seahawks nonetheless technique concerning come back nevertheless not clear Jameis Winston aimed, revenue options Buccaneers previous Chiefs 49ers WRs: DeAndre Smelter Income ai???

To Take a look at or possibly Tankai?? Carroll before placing your very own to be able to in addition to 49ers Marshawn Lynch certainly functions targeted ex-teammates they may properly fingers again Buccaneers Effectiveness Time period Area moderate: Gerald McCoy Titans CB McCourty pronounces heai??

Cleveland Browns: 5 takeaways within the decrease for your Dolphins Teddy Bridgewater game titles best stage these people really wants to improve Patriotsai?? McCourty thinking about ai??? Tom Brady conditions 10ai?? Jesse Ihedigbo: time period may be ai??? Fullback Trey Millard delighted displaying 49ers precisely what they are able to provide you with Pierre Jones most up to date enhancement to assist injury-ravaged 49ersai??

Facebook Logout - Experiences and Reasons to Leave It

They Elam billed as well as Tx, appears tablet costs Zoysia Costs rather than. Panthers: Thurs evening Harm Statement Cutlerai?? Bobby Wagner Jersey 0 ai??? Steelers when compared with. Grettle will require magnificent method of free of charge organization Thomas Tannehill, Damian Williams efficient inside Dolphinsai?? Real possibilityai??

Friend Reviews. To see what your friends thought of this book, please sign up. Lists with This Book. This book is not yet featured on Listopia.

Indranet • The information society and its psychological and spiritual implications

Community Reviews. Showing Rating details. More filters. Sort order. Jan 19, Carol rated it it was amazing. Awesomeness Feel like this as well. Seemingly, the bits and bytes have us unless we leave the matrix. Addictive as the internet is, it is not likely to leave. The book of face may be whatever it is As it is now accessible for my viewing no matter where I am.

What is needed is internet service and the device to connect. We are the victimless victims of our creation connecting to the www to obtain our fix. Strongly believe this a must read. The fact that Facebook claims to own our data is also an alarming issue. You think you have deleted "When I just wanted to leave my past without any trace, Facebook created a way to reach any person on this world, reminding them about their past even though they may just want to forget it and even though they had changed their life.

You think you have deleted those messages, but Facebook still owns them and you never know what they might do with your data. The "right to be forgotten" concept also makes us consider the dark side of this world world-famous social media system. For people who're addicted to Facebook to the point of neglecting all the important things in real life, this booklet is a must-read. An analysis of social networking questioning the premise of evolutionary growth through technology.

The book causes us to ask questions on whether we actually have a greater number of offline friends and whether our friendships are closer or deeper in any way due to our increased use of social media This isn't a well written book but it is a quick read and helps you get a handle on the main privacy arguments around Facebook. The idea is nice, but I don't think that it has strong arguments. Competenze TALES voleva inoltre collegare lo storytelling in aula alle competenze chiave di apprendimento permanente. Sviluppare una comprensione dei personaggi, una conoscenza della sequenza e del racconto,.

Gli insegnanti hanno smesso di essere i depositari delle informazioni per diventare costruttori di ponti tra queste informazioni ubiquitarie e gli studenti. In TALES abbiamo realizzato una piattaforma multimediale per consentire ai narratori di raccontare e scambiarsi storie in un ambiente media-rich. Questo aumenta la competenza digitale di alunni e insegnanti. Il processo di creare e ascoltare storie si inserisce anche nelle strategie di apprendimento costruttivista e auto-orientato. Lo scopo era scoprire lo stato dello storytelling orale e digitale nella formazione degli insegnanti e nella pratica in aula.

In questa sede tratteremo solo brevemente alcuni risultati. Ritengo che sia un metodo di base per stimolare la fantasia. Quando gli alunni sono interessati, si concentrano e imparano. Al momento non esistono. Serve avere autostima e un atteggiamento positivo nei confronti di chi ascolta. TALES ha anche passato in rassegna i programmi di scuole e docenti nei rispettivi Paesi per scoprire se fossero presenti le storie e lo storytelling.

Qui mettiamo in evidenza alcuni trend. Solo in Norvegia e Inghilterra si trovano riferimenti diretti alla narrazione. Anche nel programma di studio nazionale per scuole pubbliche in Inghilterra compaiono diversi riferimenti diretti alle storie e alla narrazione, in particolare nel Key Stage 1 e 2 anni. Ad esempio, nei programmi fiamminghi della scuola primaria si fa riferimento a:. Sembrano inoltre esserci approcci diversi alle storie, allo storytelling e alla narrazione tra Inglese e Lingue.

Lo storytelling non viene apertamente menzionato, nonostante compaiano le tecniche recitative. Brainstorming, discussione e confronto. Analisi di opere letterarie, narrative, visive, cinematografiche. Analisi delle interazioni tra bambini, adulti e storie. Agli studenti viene richiesto. In Estonia, corsi di storytelling vengono regolarmente organizzati dal presso il Centro di cultura popolare estone. I laboratori che si rivolgono specificatamente agli insegnanti sono rari. Solo pochi narratori sono ufficialmente certificati. Gli insegnanti raccontano le loro esperienze, o guidano i bambini in un mondo di fantasia.

Si narrano favole, saghe, miti e storie bibliche. Lo storytelling contribuisce allo sviluppo linguistico degli scolari, al loro sviluppo cognitivo in senso lato, ma anche allo sviluppo sociale e morale. Bibliografia Bruner, J. Actual minds, possible worlds. Clarke, M. Gudmundsdottir, S. McEwan and K. Egan, pp. New York: Teachers College Press, Hamilton, M. Richard C. Owen Publishers, Inc.

Harris, P. The Work of the Imagination. Malden, MA: Blackwell Publishers, Hopkins, R. Narrative Schooling. Polkinghorne, D. Narrative Knowing and the Human Sciences. Roney, R. Rossiter, M. Narrative and stories in adult teaching and learning. Un millepiedi sta facendo una passeggiata mattutina. Si sa che il millepiedi ha cento zampe. Quale deve alzare per prima e quale per seconda, e la terza, e la quarta…? Se perdi il conto, ti inciampi nelle tue stesse zampe e cadi! Queste storie nascono nei diversi campi in cui ci muoviamo, come la famiglia, il lavoro e il tempo libero.

Hovland, , p. Horsdal, M. Quali sono le caratteristiche che fanno di un fatto una storia? Manca il contesto. In ambito europeo, i primi riferimenti alle storie e alla narrazione si trovano in Gorgia di Platone. Il filosofo ne parla anche ne La Repubblica quando mette in dubbio il contenuto delle storie che le balie raccontano ai bambini.

Simili storie soprattutto miti, racconti e leggende erano visti come troppo fantasiosi, violenti, falsi e non meritevoli di attenzione. Successivamente, le novelle italiane e i fabliaux francesi preservarono una tradizione di racconti realistici e divertenti. Si pubblicavano raccolte di racconti, e una ottenne fama internazionale: i racconti dei fratelli Grimm.

Si trovano anche riferimenti a narratori di professione, che cantavano e recitavano racconti eroici e mitologici, come gli Edda norreni, le ballate medievali e le romanze cavalleresche. Tuttavia nessun altro contesto permise la nascita di una classe di narratori professionisti quanto quello infantile. Come per la lettura di un libro, siamo impegnati a immaginare personaggi e panorami in modo diverso da quel che succede, ad esempio, guardando un film.

Come in una sala di ballo, siamo invitati a partecipare e condividere il nostro intrattenimento con gli altri. Anche qui, dipende tutto dal contesto. I gesti e la voce sono importanti elementi non verbali dello storytelling orale, in grado di dare ritmo al discorso, aggiungere informazioni o imitare i personaggi.

Che bei bambini che hai e che gentile che sei! Mio buon amico Mikkel! Quanto sei brutta e che pestiferi sono i tuoi figli. Scegliere la storia che si vuole raccontare. Usare il proprio idioma o dialetto per narrare la storia. Raccontare la storia a voce alta per abituarsi al suono della propria voce.

Innanzitutto, leggere alcune volte tutta la storia. Quindi mettere da parte il testo e raccontare alcune volte la storia in base a quel che ci si ricorda. Infine, occorre raccontare la storia a qualcuno, qualcuno che si conosce bene come un figlio o un amico. Quando si racconta una storia, bisogna essere se stessi e usare il proprio linguaggio corporeo. Cercare di evitare movimenti privati, come giocare con le mani, aggiustarsi il maglione o passarsi le dita tra i capelli.

Sicurezza e consapevolezza digitale: educare le persone all'uso della tecnologia

Mentre si racconta, mantenere il contatto visivo con gli ascoltatori, in modo che si sentano coinvolti e per avere la situazione sotto controllo. Infine, ricordarsi che il fatto che non tutti gli ascoltatori guardano il narratore negli occhi non significa che non stiano ascoltando. Se diventano irrequieti, concentrarsi principalmente su chi ascolta.

A tal proposito, desideriamo citare due progetti a lungo termine che dimostrano come lo. Molti di questi processi possono essere praticati e trasferiti ad altri tipi di apprendimento e insegnamento. I partecipanti si siedono in cerchio e fanno domande a vuoto. Tutti i partecipanti si siedono in cerchio e tengono gli occhi chiusi.

NON si pianifica chi 29 McTigue, Se due persone contano contemporaneamente, si ricomincia da capo. Chi ha parlato? Stanno tutti in piedi in un gruppo compatto. Uno fa un passo indietro ed esce dal gruppo, rivolgendogli le spalle. Il leader indica tre persone del gruppo, che a turno dicono qualcosa. Tutti i presenti scrivono su un foglietto il titolo di una canzone famosa. Si raccolgono i foglietti in un mucchio. I partecipanti estraggono un foglietto dal mucchio e creano una nuova storia basata sul titolo.

Raccontano la storia al partner, il quale deve indovinare il titolo della canzone. Sottofondo sonoro Il gruppo viene diviso in due. Ogni gruppo crea un suono di sottofondo che rappresenta un luogo, come una stazione ferroviaria o un ospedale. Quando i gruppi eseguono i suoni che hanno pensato, si siedono rivolgendosi le spalle. I partecipanti si radunano in gruppi di tre persone. Si siedono con una persona al centro e le altre due rivolte verso il centro. Le persone ai lati iniziano a parlare contemporaneamente alla persona che sta al centro, che deve cercare di sostenere la conversazione con entrambe le persone, come se uno dei due non fosse presente.

Affascinano giovani e anziani e sono strumenti narrativi, educativi e didattici sottovalutati. Nelle tragedie greche di Edipo sono una forza motrice, e ricoprono un ruolo importante nella grande epica indiana del Mahabharata. Ola aveva due fratelli. Sua sorella Eva aveva tanti fratelli quante sorelle. Quanti figli ci sono in famiglia? Quanti maschi e quante femmine? Sulla base di informazioni concrete, si stimola un pensiero astratto nel tentativo di risolvere il problema. Qui esistono delle regole del gioco. Una donna spinse la sua auto fino a un hotel. Una volta arrivata,.

Stava giocando a monopoli. Nel campo del patrimonio culturale, il DST viene introdotto nei musei come un altro mezzo per contestualizzare gli oggetti o includere nelle mostre storie personali legate a fatti storici. Le persone entrano in un container in cui possono registrare il proprio commento vocale e vengono immortalati con i loro oggetti. I partecipanti uniscono le risorse audiovisive al proprio archivio personale fotografie, riprese video, testi, musica e suoni per produrre una storia personale di minuti che andranno poi a narrare.

Esistono molti altri termini per descrivere questa pratica, come documentari digitali, narrazione computer-based, saggi digitali, memorie elettroniche, storytelling interattivo ecc. Telecamere digitali, programmi di pittura, tastiere musicali, elaboratori word e app internet — insieme alle tecnologie di domani che oggi non riusciamo neanche a immaginare — ci offrono modi nuovi per personalizzare i metodi di autoespressione. E grazie al Web 2. Second edition. New Media Pathways to Literacy, Learning, and Creativity Ohler, condividono il loro entusiasmo per storie, tecnologia e istruzione.

Sadik fa un excursus storico molto stimolante di come la TIC e il digital storytelling siano stati gradualmente introdotti in ambito educativo e delle diverse visioni a riguardo. Ispirazione Le risorse sopra indicate offrono diversi esempi validi di digital storytelling. Spesso si confonde il digital storytelling con le pellicole digitali.

Publisher Description

Assicurarsi che la storia che si racconta sviluppi il proprio pensiero, spirito e punto di vista indipendentemente dal contenuto. Essere molto presenti in tutte le proprie storie. Gli studenti dovrebbero quindi conoscere iMovie o Movie Maker o vedere dei tutorial su come usare le app.

Dopo aver migliorato la loro digital literacy, proseguiamo migliorando la loro story literacy.


  • GAMESCENES: INTERVIEW?
  • Cloning Aura by Link Editions - Issuu?
  • Aqua™ (La Dentelle du cygne) (French Edition).
  • Turismo a Sesto Calende.

Nonostante siamo circondati dallo storytelling tutto il giorno e lo utilizziamo per esprimerci, spiegare e connetterci, potremmo scoraggiarci al pensiero di creare una storia da zero. Per questo consigliamo di non limitarsi a dare esempi ma di fornire anche alcuni spunti. Queste scelte si rifanno agli elementi consigliati nel libro di Lambert Digital Storytelling Cookbook : punto di vista personale, proprie emozioni, trovare il momento, vedere la storia, ascoltare la storia, costruire la storia, condividere la storia.

Apprendimento Australia, Canada e Stati Uniti hanno associato il digital storytelling ai programmi scolastici nazionali. Apprendistato cognitivo — fare pratica di veri lavori di comunicazione digitale 2. Competenze di ordine elevato Higher Order Thinking Skills - HOTS — superare le informazioni esistenti per aggiungere significato personale e sviluppare qualcosa di nuovo 4.

Visual Literacy — utilizzare le immagini per mostrare, e non raccontare, la storia narrativa 6. Information Media Literacy — pensare, leggere, scrivere e progettare informazioni efficaci per i media 8. Comunicazione efficace — leggere e scrivere informazioni oltre le parole 9. Lavoro di squadra e collaborazione — accrescere le competenze esercitandosi in progetti realizzati in gruppi collaborativi Pubblicazione e presentazione I narratori digitali condividono le loro storie su piattaforme online o le presentano a un pubblico in carne e ossa.

Thornburg in Ohler , p VII. Guardiamo in maggior dettaglio ogni caratteristica. Le competenze chiave europee elencate a pagina 42 sono ora completamente riconosciute: imparare a imparare, comunicare nella lingua madre ecc. Per maggiori dettagli sui benefici, vedere p. Come si crea una storia Le narrazioni di PoliCultura uniscono immagini, video, audio musica e testi. Sono, come spiegato in precedenza, organizzate in capitoli e sottocapitoli.


  • ADMISSIONS OF GUILT!
  • Chair (Objekt).
  • Internet e l'Io diviso. La consapevolezza di sé nel mondo digitale.
  • I Will Never Leave.
  • Mistaken.
  • Viaggi di Versi 42 (Italian Edition).
  • Facebook Logout - Experiences and Reasons to Leave It.

Questi lavori rappresentano una forma particolare di auto-espressione collaborativa sul contesto culturale degli studenti. Definire lo story-board Lo strumento di authoring richiede di suddividere la storia in capitoli e sottocapitoli; questa decisione viene generalmente presa durante una sessione plenaria tra gli studenti e gli insegnanti. Creare contenuti multimediali A partire dal materiale selezionato al punto 3, gli studenti creano il contenuto multimediale della storia: brevi filmati, testi, disegni da scansionare , immagini, audio possibilmente musica ecc.

Valutazione La classe si riunisce di nuovo e in sessione plenaria valuta il lavoro. Ultime modifiche e generazione del documento finale Dopo la fase 6, si fanno le modifiche necessarie per ultimare il lavoro. Eventualmente, le storie sono analizzate da un panel di esperti in tecnologie didattiche e comunicazioni multimediali. Risultati I risultati sono ampiamente discussi in molte pubblicazioni si veda per esempio Di Blas ; Di Blas, Ferrari, In questo capitolo, presentiamo i dati del sui principali benefici didattici ottenuti dagli studenti.

Tabella 1. Alla domanda se gli studenti si fossero sentiti demotivati dalla mole di lavoro, un insegnante del liceo ha risposto:. Ho temuto di averli sovraccaricati, per cui ho chiesto loro se volessero rinunciare, ma hanno risposto di no, che il progetto era importante per loro. Questo accadeva subito agli inizi, quando la classe era stata appena suddivisa in gruppi e avevo assegnato loro i materiali da leggere, i libri che dovevano riassumere. Ho detto, se non ce la fate, non. A volte si dicono cose negative sulla scuola: vorrei mostrare ai genitori quanto bravi possono essere i loro figli, che buone relazioni hanno tra loro, quanto sodo riescono a lavorare, che orgoglio!!

Per quanto riguarda invece le competenze comunicative, un altro insegnante riferisce:. Gli studenti hanno iniziato con testi lunghi, per poi rendersi conto da soli che dovevano tagliare delle parti. In qualche modo, il formato ci ha aiutato a completare le nostre ricerche; non sarebbe stato possibile con la tradizionale redazione lineare. Bibliografia Barthes, R.

London: Fontana, Barrett, H. Kean University Digital Storytelling Conference Verbal art as performance. Illinois: Waveland press, Benjamin, W. Kunstverket i reproduksjonsalderen. Oslo: Gyldendal Norsk forlag, Burgess, J. Continuum: Journal of Media and Cultural Studies, 20 2 , Story and Discourse Narrative structure in fiction and film. Cornell University press, Denzin, N. Interpretive Ethnography Ethnographic practices for the 21st century. London: Sage Publications, Di Blas, N. In Yildiz, M. IGI global In press , V7 N1, In: Research in Learning Technology, vol.

In Leo, T.

La consapevolezza di sé nel mondo digitale

ISSN: online and print In Searson, M. Digital Storytelling Center, University of Houston. Unpublished Thesis, University of London, Digital Storytelling Guide for Educators. ISTE, Gersie, A. Storymaking in Education and therapy. Stockholm: Jessica Kingsley publishers, Hodne, B. Norveg 31, , Telling lives.

Hovland, B. Kirke og kultur, Om kulturell identitet : en essaysamling.

Sabato, 27 Novembre, 2010

Jamissen, G. In Haug, K. Oslo: Cappelen Damm Akademisk, Jansson, T. The Summer Book. Koehler, M. Journal of Educational Computing Research. Spector, M. Merrill, J. Elen, M. Bishop Eds. New York: Springer, Lambert, J. The Futurist, 41 2 , 25 Digital Storytelling Cookbook. Berkeley: Center for Digital Storytelling, Historier og terapi Om narrativer, konstruksjonisme og nyskriving av historier. Oslo: Tano Aschehoug, McDrury, J. Learning Through Storytelling in Higher Education. London: Kogan Page, McKenney S. Handbook of Research on Communications and Educational Technology.

Miller, P. In Taiwan Journal of Anthropology, Mundy-Taylor, J. Unpublished Thesis, University of Newcastle, Munn, H. Myerhoff, B. Stories as equipment for living Last talks and Tales of Barabara Myerhoff. Michigan: The university of Michigan press, Ohler, J. Digital Storytelling in the Classroom. California: Corwin, Porter, B. The Art of Digital Stories. Rasmussen, T. In Norsk medietidsskrift Robin, R.

In Theory Into Practice, — Creative Schools. Revolutionizing Education from the Ground Up. USA: Penguin, Sadik, A. In Education Tech Research Dev — Milton Keynes: The Open University, Tell a Story, Become a Lifelong Learner. Al mondo tutti avevano soldi, fortuna e amore tranne lui. Un giorno decise allora di andare a parlare a Dio per chiedergli una soluzione. Tutti hanno soldi, amore e fortuna tranne me! Con tono pacato, Dio gli rispose: - Figlio mio, non esiste la fortuna.

Ogni Uomo deve trovare la propria. Devi cercarla. Apri gli occhi e vai a cercarla. Allora non era sfortunato! In fondo, non era diverso da tutti gli altri. Cosa ti ha detto di me? Dio mi ha detto di cercare la mia fortuna e che non devo stare fermo ad aspettare che la fortuna venga a me! Devi chiedere a qualcuno di scavarle e ritroverai le forze… - Non potresti scavarle per me?

Analisi delle buone pratiche In questo capitolo discuteremo e rifletteremo su ventidue buone pratiche che abbiamo raccolto. Riflessioni — Ventidue buone pratiche di storyteling in aula Ogni docente utilizza lo storytelling, tuttavia nei programmi mancano dei riferimenti su come usarlo. Abbiamo quindi creato un questionario approfondito per chiedere agli insegnanti di riflettere sulla prassi dello storytelling.

La maggior parte degli insegnanti era molto interessata al progetto TALES e conveniva nel ritenere lo storytelling un potente strumento di apprendimento, ma alla richiesta di scrivere le loro buone pratiche, molti hanno esitato. Per cui la maggior parte delle buone pratiche sono state scritte dagli stessi insegnanti; per altre, abbiamo fatto ricorso a interviste via Skype e a conversazioni avvenute in autobus e in corridoio durante lo svolgimento di lezioni internazionali.

Quelle che seguono sono le buone pratiche che abbiamo raccolto.

Similar authors to follow

Esiste una via MOOC? In una serie di quattro laboratori, il narratore ha accompagnato i bambini nel loro personale processo narrativo, in cui hanno potuto usare anche le tecniche di recitazione. Un narratore ha lavorato insieme ai bambini alla realizzazione della loro narrazione, arricchendo il repertorio di storie dei bambini con alcune fiabe e altri racconti classici.

Tuttavia, la sua collaborazione ha introdotto un nuovo focus, culminato poi in un evento narrativo. Argomento La lingua madre tedesca: lettura — ascolto — selezione da parte dei bambini della storia preferita — auto-espressione i bambini narrano e recitano le storie. Tutto il resto lo possiamo imparare facendo uno sforzo, adottando strategie di studio, ripetendo ecc. La storia narra di una principessa sola che vorrebbe avere un amico. La principessa cercava di entrare in contatto con B, ma B le girava la schiena.

Con B girato di spalle, anche il pubblico avverte la sensazione di solitudine. Alla fine della storia, la principessa riesce tuttavia a trovare un amico. Tutti i bambini del gruppo sono stati coinvolti nella creazione delle scene. Si divertono molto, anche grazie ad alcuni effetti a sorpresa. Insieme, vivevano al 13 di rue des fous via dei matti.

Questa bambina era la nipote di una degli occupanti della casa di via dei matti. Ogni tanto quando avevo lezione di francese andava a trovare la zia. Un aneddoto interessante Una ragazza che studiava greco antico secondo il suo piano di studi, ha voluto imparare anche il francese a partire dai 14 anni. Frequentando la lezione di francese una o due volte alla settimana, non poteva essere una residente regolare della casa. Doveva quindi impersonare qualcuno che ogni tanto arriva, ma legato in qualche modo agli inquilini.

Nel report annuale scriveva:. Hanno quindi imparato le diverse forme con cui presentare i racconti popolari ai bambini.